"In a family, children and dogs know everything, always, particulary what is left unsaid. "
Francoise Dolto

 

A family photo album, a collection of imagery: these photos reflect a communal vision of the world.

Tissues, plants and objects weave together to create landscapes and illusions that delineate cultural values and the ties that bind us. Windows are the filter between home/world and garden: their decoration becomes superfluous necessary to enrich a void of meaning and to create spaces that move between real and fictional space.

Like a fever, these openings toward unreachable realities become a defense mechanism. People construct a complete and perfect miniature world that satisfies imagination and community: everything is veiled except a boy and his dog, the only flesh and blood beings. 

The project has been created during an artist residency at Schoppingen Foundation, DE

 


" In una casa i cani ed i bambini sanno tutto, soprattutto ciò che non viene detto " 
Francoise Dolto

 

Un album fotografico, una raccolta di immaginari: queste foto riflettono uno sguardo comune sul mondo.

Tessuti, oggetti e piante si legano fra loro determinando dei paesaggi, delle illusioni che delineano valori e legami sia culturali che di condivisione.

Come la febbre, anche queste aperture verso realtà desiderate ma non raggiungibili diventano un meccanismo di difesa. Attraverso la costruzione di questi mondi in miniatura, pur nella loro estrema piccolezza, si realizzano dei  un mondo in sé concluso e in tal senso perfetto, che compiace il proprio immaginario e quello della comunità. Tutto è velato e gli unici esseri in carne ed ossa sono un bambino e il suo cane.

Progetto realizzato durante la residenza d'artista presso la Fondazione Schoppingen, Germania.

 

F.EVER
a collection of family landscapes
installation, table and photo album
70x80x40cm, 2010

click here to scroll